n9t4d8usnn050djdi29rwe3mpmgj0x
 
sigillo-removebg-preview.png

ORIGINI DEI NOSTRI CAFFE'

Costa Rica

Il caffè fu piantato in Costa Rica alla fine del 1700, ed è stato il primo paese centroamericano ad avere un'industria del caffè completamente affermata; nel 1820, il caffè era una delle principali esportazioni agricole con un grande significato economico per la popolazione. 

Il caffè costaricano ha un gusto classico e una grande reputazione grazie al fatto che i suoi caffè sono ben equilibrati e bilanciati. I caffè del Costa Rica che utilizziamo sono arabica lavorati a umido. Le origini di caffè che crescono sui terreni vulcanici del Costa Rica risultano morbidi, delicati e con uno spiccato aroma di nocciola.

Le varietà più importanti che misceliamo nei nostri blends  sono la Terrazzu-Caturra Villa sarchi Naranjo, Altura Costa Rica.

Il Costa Rica è un paese lungimirante e attento all'ambiente. Quasi tutta la raccolta viene eseguita con il sistema hand pick, le tecniche utilizzate non danneggiano né contaminano l'ambiente. Il Costa Rica promuove il caffè biologico; Le fattorie di caffè qui producono un'enorme quantità di caffè orgánico ogni anno.

Colombia

Il caffè arrivò in Colombia alla fine del 1700 per mezzo di sacerdoti gesuiti che erano tra i coloni spagnoli, e le prime piantagioni furono avviate nel nord del paese, nei dipartimenti di Santander e Boyaca. Durante il diciannovesimo secolo, le piante di caffè si diffusero in tutto il paese, con una dimensione agricola media inferiore a quella che si trova più comunemente in altri paesi produttori dell'America Latina.

Importiamo caffè di diverse qualità come Supremo, Extra ed Excelso. Supremo è una delle migliori varietà e viene coltivato utilizzando le più moderne tecnologie. È riconoscibile per il crivello notevole e chicchi uniformi, possiede un aroma ricco e vellutato. 

Il caffè colombiano di qualità extra è leggermente diverso, anche la dimensione del chicco di caffè Extra è leggermente più piccola di quella di Supremo, ed ha un aroma piuttosto deciso ed energico.

Excelso è una miscela di Supremo ed Extra. Ha una buona acidità e un retrogusto vinoso.

Kenya

le prime coltivazioni furono portate nel paese da missionari scozzesi e francesi, questi ultimi contribuirono a quella che sarebbe nota come missione francese Bourbon, trapiantata dall'isola di Bourbon (ora chiamata Reunion) in Tanzania e Kenya nel tentativo di finanziare i loro investimenti nelle colonie. Gli scozzesi, nel frattempo, hanno portato varietà dalla Moka, le diverse varietà che contribuiscono alla qualità dinamica dei caffè nel paese fino ad oggi.

Il caffè prodotto è esclusivamente di qualità arabica processato con il metodo a umido, conosciuto come kenya washed arabica AA, i chicchi sono tutti molto belli e con pochissimi difetti. In tazza ha un gusto fruttato e penetrante con un ottima acidità ed un retrogusto di uve mature. Adatti ad essere utilizzati con macchine in capsule e capsule compatibili.

La zona di produzione da cui provengono le migliori varietà si chiama Embu, grazie a una commistione perfetta tra altitudine, clima e condizioni, questa zona è considerata tra le migliori del Kenya per la coltivazione del caffè. Le varietà che più utilizziamo sono: SL-28, SL-34, Batian, Ruiru 11 coltivate da agricoltori con piccole piantagioni che curano tutta la fase della produzione con grande cura e passione.

Etiopia

tra i paesi produttori di caffè, l'Etiopia ha uno status quasi leggendario non solo perché è il "luogo di nascita" del caffè Arabica, ma anche perché è semplicemente diverso da qualsiasi altro posto nel mondo del caffè. A differenza della stragrande maggioranza dei paesi produttori di caffè, la pianta non è stata introdotta come coltura attraverso la colonizzazione. Invece, coltivare, lavorare e bere caffè fa parte del modo di vivere quotidiano, ed è stato per secoli, da quando le piante sono state scoperte nelle foreste e alla fine coltivate per uso domestico e commerciale.

Il profilo dei caffè etiopi differisce in base a una serie di fattori, tra cui varietà, processo e microregione. Come regola generale, i caffè processati naturalmente hanno note di frutta e cioccolato intenso molto più pronunciati, spesso con un tono vinoso e un corpo sciropposo. I caffè lavati sono più leggeri e hanno un'acidità più pronunciata, sebbene le caratteristiche individuali possano variare.

I caffè Harrar sono quasi sempre lavorati naturalmente, o " a secco", e hanno un profilo decisamente cioccolatoso e ricco di nocciola che riflette il clima un po 'più arido in cui cresce il caffè.